27 Maggio 2020

Nyx Hotel: street art inside

A Milano c’è un hotel dedicato alla street art: il NYX in zona stazione Centrale. Inaugurata nel 2017, la struttura propone il concetto di hotel urban artsy. Gli spazi comuni e tutti gli undici piani sono decorati a parete da opere che si confrontano con il muralismo, l’astratto e il figurativo, dal 45 gradi al 3D, reinventando completamente lo spazio in modo sorprendente. 

All’ingresso veniamo accolti dalle sculture degli Urbansolid, opere che sovvertono l’idea di street art bidimensionale inserendo l’elemento 3d ed un volume reale.
La ricerca della tridimensionalità continua con le “strutture” dipinte da Joys, Yama 11 e Peeta che ritroviamo anche nel patio esterno: linee ed evoluzioni dinamiche che danno un effetto incredibilmente ritmico e plastico alle pareti.

All’esterno entriamo in un mondo parallelo: la magia dell’opera di Vesod, eseguita su una grande altezza e un illusionistico buco nero di Astrò ci permettono di entrare in una dimensione immaginifica e sprofondare in una realtà differente.

Prendendo l’ascensore e approdando ogni volta ad un piano diverso scopriamo l’impatto delle visioni figurative di Casciu e Seacreative, le astrazioni futuristiche, armoniche e geometriche di Moneyless e Corn 79, le lettere che si evolvono in labirinti architettonici di Orion, Joys, Peeta e Yama 11, le costruzioni di Etnik, la poetica e la fantasia di Jair Matinez e Skan e l’iperrealismo sorprendente di Neve sulla terrazza, che trasforma la visione della città in un dettaglio dell’opera site specific.

Ti aspettiamo alle nostre visite, per un approfondimento scopri anche il nostro replay dedicato al NYX Hotel.

12 Maggio 2020

Street art nel quartiere Isola

Il quartiere di Isola è uno dei più pittoreschi e storici in città ed è stato uno dei primi ad ospitare l’espressività di street artist milanesi ed internazionali.

Nato come quartiere operaio con un grande senso di appartenenza e separato dal resto della città, è il luogo in cui maggiormente si sono concentrate opere di una cultura e di un'arte alternativa, a partire dagli anni Novanta.

Passeggiando per le caratteristiche vie si possono trovare ovunque le tag, che rappresentano le basi del graffito come forte forma di espressione, di identità e di tentativo di conquista degli spazi da parte dei writer.

Le firme, trasformate spesso in segni indecifrabili con una grande attenzione all'evoluzione dello stile, creano un linguaggio urbano unico, che trasforma le strade in un'enorme tela bianca.

Non solo graffiti, ma a Isola si trovano anche notevoli opere di street art e interi edifici dipinti.

L'autoricambi in via della Pergola o il popolare bar Frida sono stati reinterpretati completamente dallo sguardo di Zibe, Ozmo, 2501, Willow e tanti altri, creando risultati sorprendenti che restituiscono una visione completamente diversa della quotidianità.

In ogni angolo ci aspettano delle sorprese anche di piccole dimensioni: cassette dell’energia trasformate in personaggi dei cartoon da Pao, orecchie giganti che ci ascoltano create dagli Urbansolid, profondi ritratti di C215 che ci osservano da cassette della posta, occhi che ci osservano, pesci che nuotano, curiosi personaggi che vivono avventure fantastiche..

Tantissime tecniche e stili differenti ci permettono di conoscere più da vicino i protagonisti e di partire per una interattiva caccia al dettaglio.. il consiglio è di guardare ovunque, perfino sotto i piedi!

Ti aspettiamo alle nostre visite, per un approfondimento scopri anche la nostra "Visita al telefono" dedicata a Isola.

2 Maggio 2020

Milano e la Street art

Milano è stata per anni descritta come “una città grigia e triste”, ma se si ha la pazienza di osservarla con curiosità capita di imbattersi nel colore davvero dietro ogni angolo.

Negli ultimi anni la street art ha contribuito a trasformare l’aspetto dei muri della città: pareti dipinte, opere scultoree  e in 3d, elementi urbani reinventati e portati a nuova vita, sticker e stencil dai messaggi più disparati.

Ti suggeriamo alcuni luoghi e progetti da scoprire.

Sicuramente una delle zone più interessanti in cui andare alla scoperta della street art è la zona dei Navigli. Oltre ai locali più trendy ospita un’intera via di poesie di strada e rebus, le saracinesche dei negozi con i ritratti dei personaggi che hanno reso grande Milano, la casa occupata Elicriso, i muri lungo i navigli con le tecniche più varie, la storia della città e dei suoi protagonisti lungo due millenni vicino all’antica Basilica di San Lorenzo.

Luogo d’elezione per la street art e i graffiti milanesi è anche il Leoncavallo, lo storico centro sociale della città: è fittamente tappezzato di scritte e disegni talmente particolari da essere definito dal critico d’arte Sgarbi la “Cappella Sistina della contemporaneità”. Una visita imperdibile.

Un progetto molto interessante promosso dal Comune di Milano è Energy box: camminando per le vie vi capiterà spesso di notare le numerose centraline di controllo semaforico che si sono rifatte il look: l’intervento di numerosi street artist le ha trasformate da anonimi e grigie cassette a capolavori di una galleria a cielo aperto.

“WallArt” celebra  i 140 anni dell’istituto ortopedico Gaetano Pini con opere di PAO, Ivan e il duo Orticanoodles, creatore dei ritratti di 12 milanesi che hanno contrassegnato la cultura del ‘900.

Infine vi consigliamo il progetto Poli Urban Colors del 2019 che reinterpreta gli spazi esterni del Politecnico Bovisa con grandi opere che omaggiano il genio di Leonardo da Vinci, realizzate da Rancy, Luca Barcellona, 2501 e Zedz. Un incredibile risultato coinvolgente per gli studenti e per l'intero quartiere.

A Milano il colore è dietro ogni angolo, buona ricerca!

GIFT CARD

Regala un’esperienza indimenticabile

Vuoi rimanere informato sui nostri nuovi tour?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Vuoi rimanere informato sui nostri nuovi tour?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

100-_0001_Tavola-disegno-1
100-_0002_Tavola-disegno-2
100-_0000_Tavola-disegno-3