6 Agosto 2020

Lucio Fontana a Milano

La storia di Lucio Fontana è quella di un artista molto legato alla città di Milano, tra i primi ad intuire le potenzialità di creare opere “immateriali” e ad ampliare la dimensione dell’opera d’arte da oggetto-scultura ad “ambiente” nel quale immergersi, autore del Manifesto del movimento spaziale per le televisione e le Immagini luminose in movimento per le trasmissioni sperimentali della Radiotelevisione italiana, captando con antenne sensibili le nuove scoperte.

“Gli artisti anticipano gesti scientifici, i gesti scientifici provocano sempre gesti artistici”.

Nel dicembre 1947 Lucio Fontana pubblica il Primo Manifesto dello Spazialismo al quale segue, l’anno successivo, il secondo. Il rapporto con la Galleria il Naviglio di Carlo Cardazzo sarà fondamentale per la diffusione delle sue opere: la sua prima opera d’arte ambientale Ambiente spaziale a luce nera viene qui esposta nel 1949: né pittura né scultura, ma una forma luminosa nello spazio. Illuminando con la luce di Wood una decorazione a parete eseguita con tocchi di colore fluorescente, Fontana creò traiettorie diagonali in grado di confondere la percezione dei visitatori e provocare spaesamento attraverso gli effetti visivi della combinazione di colore e la luce.

Lucio Fontana attua un processo completamente nuovo:  mette l’accento sulla centralità del visitatore e sulla percezione dell’individuo, inserendosi all’interno della sua ricerca sulla spazio, la luce e il vuoto.

La luce diventa elemento espressivo e mezzo di rappresentazione.

Del 1951 è la struttura al neon per la IX Triennale di Milano, realizzata in collaborazione con gli architetti Luciano Baldessari e Marcello Grisotti: una costruzione di luce fluorescente, composta da decine di segmenti tubolari piegati a mano, si snoda per 100 metri sospeso con cavi d’acciaio a un controsoffito appositamente allestito da Baldessari e Grisotti, “cielino blu giotto”. Profondità e tridimensionalità spesso tradite dalla fotografia, l’hanno consegnata alla storia dell’arte come un segno grafico quasi smaterializzato.

Dalla fine degli anni quaranta la luce per Lucio Fontana diventa il mezzo espressivo, in continuità con la mitizzazione dell’energia luminosa che era starà caratteristica della teoria futurista. In una lettera all’amico Gio Ponti, Fontana scrive: “Il concetto spaziale che illumina lo Scalone d'onore alla nona Triennale di Milano non è un laccio, un arabesco, né uno spaghetto, è in barba ai critici ... l'inizio di un'espressione nuova, abbiamo semplicemente sostituito un nuovo elemento entrato nell'estetica dell'uomo della strada, il neon, abbiamo creato con questo una fantastica decorazione nuova”.

Oggi ritroviamo il Concetto Spaziale del 1951 nella suggestiva sala del Museo del Novecento dedicata a Lucio Fontana: un’opera che vive in rapporto con la città di Milano, affacciata su piazza Duomo. Lo spettatore non è più osservatore passivo, ma ciascuno dei suoi passi, modificando le prospettive, lo rende il co-creatore dello spazio in cui si muove. 

Alzando lo sguardo, il Museo del Novecento riserva un’altra sorpresa: un Soffitto spaziale.

Nel 1956 il connubio tra Lucio Fontana e l'architetto Borsani prosegue con un’opera ad affresco per l’Hotel del Golfo all’Isola d’Elba.  Il Soffitto di oltre 150 mq fu realizzato per mezzo di segni, tagli e incisioni operati direttamente sull’intonaco grezzo fresco della volta della sala e riempiti di colori puri. Il Soffitto, uno dei pochissimi ancora conservati tra quelli realizzati da Lucio Fontana, è un vero e proprio capolavoro che proietta nell’ambiente del Museo del Novecento e nel rapporto con l’architettura la concezione fondamentale dello Spazialismo

27 Maggio 2020

Leonardo e la Sala delle Asse

Leonardo da Vinci e Milano: un connubio imprescindibile. Oggi vi portiamo a scoprire una stanza del Castello Sforzesco che è rimasta per molti anni segreta e dimenticata. 

L’artista fiorentino è giunto alla corte milanese di Ludovico il Moro nel 1482: le sue opere per la città spaziano dagli allestimenti effimeri, alla costruzione delle conche per i Navigli, ai ritratti di corte.  e’ proprio nel luogo dove Ludovico il Moro e Beatrice d’Este risiedono che Leonardo elabora una decorazione particolare: la sala della asse.

Questa piccola stanza a pianta quadrata del Castello di Milano si trova a piano terra della Torre del Falconiere, un ambiente di passaggio verso la Cappella Ducale. 

Nella Sala delle Asse Leonardo presenta la summa dei suoi studi di botanica attraverso uno strumento privilegiato: il disegno.

Sedici alberi di gelso si innalzano sulle pareti del Sala della Asse per giungere sulla volta ad un intreccio di rami, foglie, e drappi dorati.

La lavorazione di Leonardo è avvenuta in due fasi: la parte superiore con la folta chioma di gelsi è conclusa, il registro inferiore è solo ad uno stato di abbozzo. Nel 1499 con l’arrivo delle truppe francesi a Milano, Leonardo lascia infatti la città. La sala delle asse cade nel dimenticatoio per anni, secoli, fino al lavoro di ristrutturazione del Castello Sforzesco di Luca Beltrami.

Visitare la Sale delle Asse ci fa entrare nel mondo della botanica studiato da Leonardo: un’indagine che trova origine a partire dalla pratica giovanile del disegno, e soprattutto dalla propensione allo studio del naturale. Lo studio di Leonardo sulle ramificazione arboree è testimoniato da numerosi disegni in cui il maestro toscano studia la struttura interna delle piante, accanto alla ricerca di ottica e percezione visiva. 

Facile l’identificazione della pianta del gelso nel Castello Sforzesco: Leonardo pensa ad un programma dai toni encomiastici per celebrare la persona di Ludovico il Moro e il suo Ducato. Sotto il suo regno infatti, l’industria serica era una delle più proficue per la città di Milano, da qui la scelta del gelso e del suo frutto. 

Solo negli anni Cinquanta del Novecento, grazie all'allora direttore Costantino Baroni, viene riconosciuto in questa piccola camera del Castello un monocromo. Leonardo attua una vera e propria osservazione lenticolare della natura: radici che rompono il muro e si insinuano sulla parete, una natura viva e vitale. L’impeto di radici ritorte fa da eco ai numerosi studi di Leonardo sulla ramificazione di vene e arterie.

In Castello Sforzesco si sommano tutti gli elementi della poetica leonardesca: guardiamo in alto, la fitta rete di rami di gelso intrecciati, i nodi e gruppi. Gli intrecci sono elementi che hanno una grandissima diffusione tra Quattrocento e Cinquecento: l’arte orafa, alla moda, basti pensare agli abiti della Gioconda e della Dama con l’ermellino. Donato Bramante riporta gli intrecci leonardeschi nella Sagrestia di Santa Maria delle Grazie. I cantieri milanesi sotto il ducato di Ludovico il Moro sono legati da un fil rouge artistico.

La storia del Castello Sforzesco, frutto di una serie di addizioni, è quella di sede di una rinomata corte che viene trasformata in deposito di armi. La Sala delle Asse diventerà una scuderia, Leonardo totalmente dimenticato. 

Bisogna arrivare al 1900 con il restauro ad opera di Luca Beltrami e Ernesto Rusca per riscoprire questa camera del Castello. Grazie ai recenti restauri, si sono invece scoperti i disegni preparatori non finiti da Leonardo. Lungo le pareti, tra i fusti dei gelsi, si aprono paesaggi. La fortuna iconografica della Sala delle Asse merita una particolare attenzione: la fitta composizione di foglie diventa un modello per gli interior design di inizio Novecento. Troviamo così esempi in cui il linguaggio del liberty si fonde con l’invenzione arborea di Leonardo.

Entrare oggi nella Sala delle Asse del Castello Sforzesco ci permette di entrare in contatto con il genio di Leonardo da Vinci che negli anni milanesi ha esplorato ed è stato in grado di coniugare scienza, natura, e arte, in un intreccio di forme, studio e disegno. 

11 Maggio 2020

Duomo. Fermata Duomo.

11.700 mq di milanesità

"Duomo. Fermata Duomo". Basta salire pochi gradini delle scale della metropolitana, che subito si rimane abbagliati dal bianco rosato del marmo di Candoglia. Un profilo semplice, una facciata a capanna delineata da 10 guglie, ma inconfondibile: da due secoli il simbolo della città. 

Cosa racchiudono gli 11.700 mq di superficie? Un libro di storia e di arte che non può essere guardato velocemente. Non basta l'istante di una fotografia, ma serve più tempo per conoscere questo luogo che va osservato da vicino, perché racchiude tutta la storia della città di Milano. E’ impossibile fermarsi ad osservare tutte le 3.400 statue che compongono il Duomo: ricco di Santi, Profeti, ma anche di curiosità come gufi, polipi, cani, una testa di egiziano e una sirena bicaudata.

Sono ricche di dettagli insoliti anche le terrazze: una passeggiata in cima al Duomo per scovare racchette da tennis, pannocchie di mais, guantoni da pugile. Qualche numero? Le guglie che compongono il profilo del Duomo sono 135, di diverse altezze. Per i più allenati sono solo 300 i gradini che separano dalla guglia più alta, ma niente panico per i più pigri: un comodo ascensore porta quasi fino in cima e, affrontate le ultime scale.

Dall’alto una vista mozzafiato sulla città e non solo: nelle giornate limpide e terse il profilo di Milano, tra antichi palazzi e nuovi grattacieli, si apre verso quello delle Alpi. I più attenti noteranno che solo i piccioni di marmo di Candoglia arrivano in cima.

Varcata la soglia del Duomo subito siamo portati a guardare verso l'alto: la luce delle vetrate penetra dalle grandi finestre e scalda l'atmosfera. Ma per chi, appena entrato, vorrà volgere uno sguardo sul pavimento noterà un bellissimo intarsio di marmi colorati, ma anche i profili degli animali dello zodiaco. E' una meridiana, costruita nella seconda metà del Settecento dagli astronomi dell'osservatorio di Brera con i dodici segni zodiacali. Se la vostra visita in Duomo è a mezzogiorno, si vedrà il raggio del sole posizionarsi sul simbolo zodiacale del giorno. Provare per credere.

In cima a tutto svetta la bella Madunina che guida e protegge tutti i cittadini dal 1774 dalla guglia più alta del Duomo. Ci sono voluti quasi quattro secoli per completare la chiesa: dalla prima pietra del 1386 sotto i Visconti, alla facciata terminata agli inizi dell’Ottocento con Napoleone. Giovanni Danzi musicò lo splendore del simbolo di Milano, dei versi che in fondo tutti sappiamo: “O mia bela Madunina che te brillet de lontan - Tuta d'ora e piscinina, ti te dominet Milan”. Ma è davvero tutta d'oro e piccina come sembra? E come mai tiene in mano una lancia?

Ci si può passare davanti tutti i giorni, è una vista quella del Duomo che non può mai stancare, ogni volta ci riserva qualche particolare da scoprire, una luce diversa a seconda delle ore, uno stupore continuo. E' per questo che il Duomo è davvero il simbolo di Milano: racchiude la storia dei suoi cittadini da oltre seicento anni e per molto tempo ancora. Buona visita.

GIFT CARD

Regala un’esperienza indimenticabile

NEWSLETTER

Vuoi rimanere informato sui nostri nuovi tour?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Iscriviti per rimanere sempre informato sui nostri nuovi tour

Vuoi rimanere informato sui nostri nuovi tour?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

100-_0000_Tavola-disegno-3
100-_0002_Tavola-disegno-2
100-_0001_Tavola-disegno-1
WAAM TOURS SRLS
Piazza Ezio Morelli 9, 20025 Legnano (MI) 
C.F. / P.IVA 10966740960
CODICE DESTINATARIO: KRRH6B9
Iban: IT40S0301503200000003695770 
waamtours@gmail.com

Copyright © 2019 WAAMTOURS
Pic by Agostino Osio Copyright: Fondazione Lucio Fontana by SIAE 2020, Courtesy Pirelli HangarBicocca, Milano

waamtours@gmail.com | Copyright © 2018 WAAMTOURS